L’inferno sulla terra esiste

L’inferno sulla terra esiste

di Stephen Lendman ( stephenlendman.org – Home – Stephen Lendm an)

Prodotto negli Stati Uniti, assistito dai suoi partner imperiali, l’inferno esiste nelle nazioni violentate e distrutte dall’aggressione guidata dagli Stati Uniti.

È la cosa peggiore nello Yemen devastato dall’ottobre 2001, una nazione sotto attacco da parte degli Stati Uniti e complici aggressori per quasi due decenni senza tregua.

Secondo il direttore esecutivo del World Food Program, David Beasley, nelle osservazioni ai membri del Consiglio di sicurezza la scorsa settimana:

“Solo due giorni fa, ero in Yemen, dove oltre 16 milioni di persone ora affrontano livelli di crisi di fame o peggio”.

“Questi non sono solo numeri. Queste sono persone reali. ”

“E siamo diretti verso la più grande carestia della storia moderna.”

“In questo momento è l’inferno sulla terra in molti luoghi dello Yemen”.

“Circa 400.000 bambini potrebbero morire in Yemen quest’anno senza un intervento urgente”.

“Si tratta di circa un bambino ogni 75 secondi.”

“Così, mentre siamo seduti qui, ogni minuto e un quarto, un bambino muore.”

“Dobbiamo davvero voltare loro le spalle e guardare dall’altra parte?”

“Per aggiungere a tutta la loro miseria, il popolo innocente dello Yemen deve affrontare un blocco del carburante”.

“(M) gli ospedali (ancora in funzione) hanno elettricità solo nelle loro unità di terapia intensiva perché le riserve di carburante sono così basse.”

“Lo so in prima persona perché sono entrato in ospedale.”

“E le luci erano spente. L’elettricità era spenta. ”

“Il popolo dello Yemen merita il nostro aiuto. Quel blocco deve essere revocato, come atto umanitario “.

“Altrimenti, altri milioni andranno in crisi”.

“Il conflitto creato dall’uomo sta guidando l’instabilità e alimentando una nuova ondata distruttiva di carestia che minaccia di dilagare in tutto il mondo”.

“Il prezzo da pagare per la miseria umana è inimmaginabile.”

“Queste carestie incombenti hanno due cose in comune: sono principalmente guidate dai conflitti e sono completamente prevenibili”.

“Il ciclo di violenza, fame e disperazione attira sempre più individui e famiglie con il passare delle settimane e dei mesi”.

“Ma le potenziali conseguenze sono veramente globali: deterioramento economico, destabilizzazione, migrazione di massa e fame”.

“Al di là della crisi immediata, dobbiamo anche investire nella pace, in modo che in futuro le famiglie disperate non siano costrette sull’orlo della sopravvivenza dal proiettile e dalla bomba”.

“I costi di questa violenza sono immensi: solo nel 2019 $ 14,5 trilioni di dollari all’anno – il 15% del PIL globale”.

“Ci vorrebbe una frazione di questo denaro per finanziare i programmi di sviluppo che potrebbero trasformare la vita delle persone in nazioni fragili e segnate dai conflitti – e aiutare a tracciare nuove strade verso la pace”.

Beasley ha aggiunto che in precedenza aveva avvertito che le carestie “di proporzioni bibliche” stanno accadendo in oltre tre dozzine di paesi.

Stima che circa 270 milioni di persone in tutto il mondo oggi sull’orlo della fame – ciò che è del tutto evitabile ma sta accadendo a causa di guerre infinite e indifferenza per la salute, il benessere e i diritti delle persone più vulnerabili del mondo.

Milioni di persone risiedono nello Yemen, vittima dell’aggressione statunitense a causa della sua posizione strategica.

È vicino al Corno d’Africa, al confine meridionale dell’Arabia Saudita, al Mar Rosso, al suo stretto di Bab el-Mandeb – un punto chiave che separa lo Yemen dall’Eritrea attraverso il quale passano milioni di barili di petrolio ogni giorno – e al collegamento del Golfo di Aden con l’Oceano Indiano.

È per questo che la guerra per ottenere e mantenere il controllo del paese infuria senza fine.

I combattenti per la libertà yemeniti houthi rivogliono il loro paese.

Vogliono che l’aggressione guidata dagli Stati Uniti finisca, le forze USA / saudite fuori dal paese una volta per tutte.

Milioni di yemeniti sull’orlo della fame vogliono vivere, non morire.

I sauditi stanno conducendo una guerra per procura degli Stati Uniti contro il paese, massacrando migliaia di persone, distruggendo infrastrutture vitali – scuole, depositi di cibo, aree residenziali e ospedali, distruggendo il sistema sanitario dello Yemen.

Milioni di yemeniti affrontano violenze senza fine, mancanza di cure per malattie e feriti, fame e per molti nel paese una carestia diffusa.

L’intera popolazione è a rischio.

Beasley ha avvertito che le cose stanno “scivolando verso l’orlo dell’abisso” oggi.

Milioni di persone disperate in Yemen, Afghanistan, Siria, Sudan, Sud Sudan, Sahel e altrove – dozzine di paesi in cui milioni di persone soffrono la fame a causa dell’aggressione degli Stati Uniti e / o del sostegno a guerre infinite.

Beasley ha visitato Sana’a, l’ospedale pediatrico Al Sabeen dello Yemen.

È stato sopraffatto dalle storie dell’orrore e da ciò che ha visto in prima persona.

Ha assistito a dolore, incredibili difficoltà, bambini malati i cui corpi erano pelle e ossa e innumerevoli numeri sull’orlo della morte per malattie e fame prevenibili o curabili.

“Se ti mostrassi alcune delle immagini, non ci crederesti, e nessuno con un cuore potrebbe sedersi pigramente e lasciare che questo continui. Nessuno “, ha sottolineato!

La fine della guerra nello Yemen e in altri paesi, insieme a molti soldi per il cibo e l’assistenza sanitaria, sono disperatamente necessari per salvare vite umane. porre fine al dolore e alla sofferenza indescrivibile.

Beasley stima circa 250.000 morti nello Yemen a causa di guerre, malattie non curate e fame.

Un bilancio più preciso da quando Bush / Cheney ha lanciato l’aggressione nel paese quasi due decenni fa è probabilmente almeno dieci volte superiore alla stima di Beasley.

Quello che sta succedendo probabilmente non finirà a meno che i membri della comunità mondiale non tollerino più le guerre guidate dagli Stati Uniti contro l’umanità.

Continuano in più teatri con mezzi caldi e / o altri mezzi, il bilancio umano cresce in modo esponenziale ogni giorno.
fonte https://stephenlendman.org/2021/03/hell-on-earth-exists/